senato.it | archivio storico

Antimafia (X leg.) - Documenti e Atti parlamentari1988 - 1994

La «Commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno della mafia e sulle altre associazioni criminali similari» è stata istituita con la legge 23 marzo 1988, n. 94, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 72 del 26 marzo 1988, e prorogata con la legge 27 luglio 1991, n. 229. La legge istitutiva traeva origine dal disegno di legge n. 1168 (Alinovi e altri) presentato alla Camera il 22 luglio 1987, e da questa approvato il 12 novembre 1987. Dopo il passaggio in Senato (n. 632), nel quale furono assorbiti alcuni disegni di legge di analogo contenuto (nn. 437, 560, 780), tornò alla Camera (n. 1168-B) e poi di nuovo al Senato (n. 632-B) per l'approvazione finale da parte dell'Assemblea di Palazzo Madama, avvenuta il 17 marzo 1988.
La legge istitutiva prevedeva l'attribuzione alla Commissione dei seguenti compiti: «a) verificare l'attuazione della legge 13 settembre 1982, n. 646, e delle altre leggi dello Stato, nonché degli indirizzi del Parlamento, con riferimento al fenomeno mafioso; b) accertare la congruità della normativa vigente e della conseguente azione dei pubblici poteri, formulando le proposte di carattere legislativo ed amministrativo ritenute opportune per rendere più coordinata ed incisiva l'iniziativa dello Stato, delle regioni e degli enti locali e più adeguate le intese internazionali concernenti la prevenzione delle attività criminali, l'assistenza e la cooperazione giudiziaria; c) accertare e valutare la natura e le caratteristiche dei mutamenti e delle trasformazioni del fenomeno mafioso e di tutte le sue connessioni; d) riferire al Parlamento al termine dei suoi lavori, ogni volta che lo ritenga opportuno e comunque annualmente» (articolo 1 della legge 23 marzo 1988, n. 94, «Istituzione di una commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno della mafia e sulle altre associazioni criminali similari»).
In base all'articolo 2 della legge istitutiva, la Commissione era composta da 20 deputati e da 20 senatori designati dai Presidenti delle Camere i quali sceglievano anche il Presidente della Commissione al di fuori dei predetti componenti della Commissione, tra i parlamentari dell'una o dell'altra Camera. Una volta nominati il Presidente e i componenti, la Commissione eleggeva nel suo seno gli altri membri dell'ufficio di Presidenza (due vice presidenti e due segretari).
La Commissione si è costituita il 28 luglio 1988, dopo la nomina a suo Presidente del senatore Gerardo Chiaromonte (nomina del Presidente e dei suoi componenti annunciata alle Camere il 13 luglio 1988) e con l'elezione del suo ufficio di Presidenza.
Durante la sua attività produsse e approvò i seguenti documenti:
43 relazioni periodiche o su singoli argomenti (DOC. XXIII, nn. 1- 4, 6-10, 12-17-bis, 19-21, 23, 24, 28-31, 33-35, 37-41, 43-47);
Relazione conclusiva (relatore Chiaromonte, DOC. XXIII, n. 48), comunicata alle Presidenze di Camera e Senato il 24 marzo 1992.

Antimafia (X leg.) - Documenti e Atti parlamentari

1988 - 1994

Consultabile presso la Sala studio dell'Archivio storico. Banca dati con immagini dei documenti associate.

ricerca libera